Quanto è importante misurare le performance in azienda?

Imprese di Famiglia Family Business Seminario FBU office-3295556_1280

Non puoi gestire quello che non riesci a misurare.

Sembra che a dirlo sia stato William Edwards Deming, grande esperto di qualità e di management. 


Ma cosa e come misurare? Magari dei rifiuti in più che indicano qualche problema con la qualità? Oppure il magazzino troppo pieno o vuoto? In tante imprese basta l’occhio dell’imprenditore (soprattutto se fondatore) per dire se le cose vanno bene o male. O forse è meglio dire che bastava. Due fattori stanno mettendo sempre più in difficoltà l’intuito di chi ha fondato e guidato per anni l’azienda.

Il primo è che l’imprenditore misura bene la gestione operativa, l’andamento in fabbrica o con i clienti, ma spesso non ha strumenti per il monitoraggio a tutto tondo dell’azienda, soprattutto sul fronte finanziario e patrimoniale. In un momento storico di grandi prudenze da parte delle banche e di grande incertezza del business, chi ha “i conti in ordine” riesce a superare più facilmente i momenti di tensione.

Il secondo aspetto è proprio l’incertezza del business, la grande volatilità del mercato. La capacità di controllo dell’imprenditore è spesso rivolta al suo processo produttivo; ma se è il mondo fuori a cambiare velocemente, in che modo l’imprenditore controlla il mondo esterno e i processi della sua azienda per adeguarsi a esso? Non bastano i bilanci e i loro indici, ma è necessario misurare le attività e i processi per capire se e come portano valore all’azienda.

Decidere cosa e come misurare diventa una variabile chiave per avere dei punti di riferimento e capire se l’azienda sta andando nella direzione giusta e se sta ottenendo i risultati attesi. Un progetto di controllo di gestione non può avviarsi senza avere chiarezza dei suoi obiettivi: dipende dalla dimensione dell’azienda, ma anche dalle sue strategie e dalla sua struttura. Per questo motivo noi di FBU consideriamo fondamentale chiarire prima di tutto la direzione, lo scopo e le modalità di organizzazione.

In ultima battuta, però, è necessario anche definire cosa e come misurare per tenere sotto controllo la prestazione dell’azienda e dei singoli. Lo scopo è passare dal controllo a vista a un controllo più strutturato, formalizzato, condiviso, in modo che i collaboratori possano avere riferimenti che governano le loro azioni e definiscono le loro responsabilità.

Decidere cosa si misura definisce cosa è importante; trovare i giusti indicatori della prestazione dei singoli e dell’intera organizzazione permette di definire e condividere gli obiettivi, chiarire cosa ci si aspetta di ottenere e come, definendo anche le tempistiche. Se non lo facciamo la situazione in cui rischiamo di cadere è quella in cui tutti hanno buona volontà ma cadono nelle dinamiche dell'emergenza: corrono a spegnere fuochi qui e lì, seguendo chi urla di più, senza saper sacrificare dei risultati parziali per il risultato generale.

Come insegna ogni buon imprenditore, i numeri possono essere anche scritti sulla carta da formaggio, possono essere anche grezzi e non ben rifiniti, ma devono essere scelti con attenzione per mettere sotto controllo tutte le attività aziendali, a partire da quelle più strategiche.

Per approfondire...

Il 6 dicembre si svolgerà un seminario organizzato da noi, in cui sarà possibile focalizzarsi anche su come misurare le performance nelle imprese e, in particolare, in quelle familiari.

 

Scopri il Seminario


Luca Marcolin

Author: Luca Marcolin